Tuesday, January 01, 2013

3

CUORE GIALLOROSSO (DAY 1412)

Te ne sei andato ieri, caro Anto.
Una malattia assurda che non cancella i ricordi meravigliosi che ho, che tutti noi abbiamo di te.
Un guerriero giallorosso, un amico come pochi, che ci lascia a soli 30 anni.
La notizia mi ha scosso, e ieri non smettevo di piangere.
Per te, per la grande amicizia che abbiamo, per questa malattia stronza, per questa 'ciliegina di merda su una torta del cazzo' che è stato il 2012.
La sera prima della tua morte, su Skype con i miei genitori, dicevo loro 'finalmente finisce questo 2012, non sono solito odiare/amare un anno e generalizzare, ma tutto ciò che è successo quest'anno...mi farà sicuramente ricordare quest'anno'.
E ieri mattina l'email di Alessia, lo shock, lo spavento, Facebook e la conferma che te ne eri andato.
Quante lacrime Anto, quando ieri sera i fuochi hanno segnato la fine del 2012 e io ero da solo, e il pensiero è andato a te, parte di tutte quelle emozioni che mi han fatto tornare a essere un bimbo e piangere.
Quante lacrime ieri, ma quante risate anche, ricordando i fantastici momenti passati insieme, le partite a pallone, le partite della Roma, le cotolette, le feste, gli abbracci, gli esami, le lezioni e tu con il Corriere dello Sport e io con la Gazzetta.
Mi mancherai Anto, te e il tuo splendido sorriso. Ti voglio bene, Albe