Monday, May 30, 2011

5

HAIL (DAY 831)


Pioggia e, addirittura, grandine in quel di Sydney questa mattina.
Mi sono svegliato alle 7 per andare in palestra e ho immediatamente nascosto la mia testa sotto il cuscino, dopo aver purtroppo controllato il risultato della finale di Coppa Italia! :(
Squilla il telefono alle 8AM (per fortuna, mi ero dimenticato di ri-puntare la sveglia): è il capo! Oh mio Dio, inizia bene la giornata, dico tra me e me. Se non che, anche lui avesse probabilmente la testa sotto il cuscino (oltre alla voglia di passare la giornata con i suoi tre splendidi bimbi) e dica:"you know what? oggi lavoriamo tutti da casa".
Not so bad, uh? :)
Grandine fuori, e forse, grandine anche dentro, al mio stomaco e al mio cervello, con questa continua centrifuga di pensieri ed emozioni. Vorrei tranquillizzare tutti, sto bene :) ma quando sono in fase di "rivoluzione" è così che sto: sbotto, impaziente, sembro quasi un liceale di 16anni pieno di voglia (e rabbia) di fare, pronto a scioperare e a dare tutto per i suoi ideali eh eh.
Sarà forse perchè ho appena finito di vedere la decima stagione di Friends :D o perchè ieri sera ho parlato per ore con la bellissima amica tedesca con cui ho vissuto per un anno, o perchè ho ripreso in mano certi libri o perchè ho visto il raccomandatissimo "Water for Elephants". Oppure perchè io, così come sarà raffigurato nel tattoo, ho sempre bisogno di nuove sfide, motivazioni, non sono mai completamente soddisfatto e necessito sempre di più.
Ho bisogno di più, in tanti aspetti della mia vita. Ho bisogno di sentirmi "di più" e, vi prego non prendetemi per egoista, ma ho bisogno di sentirmi the best, il numero 1, di dare tutto ciò che ho in ciò che faccio.
Accontentarsi non è per me, io sono l'onda che arriva dal mezzo dell'oceano per schiantarsi a riva e poi tornare a ricrearsi, ancor più forte e corazzata, per vincere la riva.
Sono un pò pazzerello, ma solo così sono convinto di poter essere contento. Questo riguarda il lavoro, la città in cui vivo, le mie esperienze personali e sentimentali, me stesso. E' un bel lavoro da fare su sè stessi, ma son sicuro ne varrà la pena.
Ho vissuto un anno e mezzo quasi a Surry Hills e, nonostante adori questo quartiere (uno dei più belli di Sydney) e sia a 10 minuti A PIEDI dal lavoro, ho bisogno di spostarmi, per vedere nuove facce la mattina, per vivere un pò, per non fare sempre quello stesso percorso ogni santo giorno e vedere sempre...junkies :D
Ho bisogno di nuove e diverse amicizie, nonostante adori quelle presenti, soprattutto quelle che mi hanno accompagnato fin da quando sono arrivato a Sydney.
Ho bisogno di novità. E ho bisogno di un nuovo Albe. Non una ricostruzione totale, ma un miglioramento.
p.s. grazie mille a chi ha commentato il post precedente, vi ho ri-commentato a mia volta ;)
Albe
Stuck in the Middle with you - Stealers Wheel

5 comments:

phOtOalicE said...

Albe! come ti capisco.
Anche io mi sento così, anche se sono sicuramente un pò più intimidita diciamo.
Vai a tutta birra ;) sei una forza della natura.
Tu non sai quanto mi ha toccato il post che hai fatto prima di questo..l'ho fatto leggere anche ai miei genitori!
un saluto
ALice

Ali said...

Finalmente un uomo, in mezzo a tante mezze tacche.
Le persone come te, che lottano per la propria esistenza, sono sempre più rare. Io sono fortunata, perchè mio marito è così, ma vedo un sacco di amiche che cercano un "uomo" e si ritrovano davanti ad amebe.
Siete voi che trascinate il mondo!

Alberto said...

@photoalice: ma dai, ne sono onorato! ti ringrazio molto
@ali: wow, quanti complimenti! Hey, se queste amiche girano in Australia fammi sapere, che mi piacerebbe conoscerle...se sono delle donne! :P

Ali said...

Hehe, donne donne, don't worry! Se passano di li ti faccio un fischio. :)

Elisen said...

e infatti si dice anche che chi si ferma e' perduto no? io lo trovo molto piu' naturale che non fossilizzarsi in una qualsiasi forma rassicurante. E' il cambiamento che permette l'adattamento e quindi l'evoluzione della specie, no?